Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


Gli investimenti effettuati nelle ZES potenziano il bonus Sud, ma non danno diritto a un diverso e aggiuntivo credito d’imposta: è questo il chiarimento che arriva dall’Agenzia delle Entrate con la risposta all’interpello numero 94 del 17 aprile 2024

Non essendo due agevolazioni diverse il bonus Sud e il credito d’imposta previsto per le Zone Economiche Speciali non possono essere cumulate.

La normativa, infatti, prevede un potenziamento dei benefici per gli investimenti effettuati durante lo scorso anno nelle ZES, ma non la possibilità di ottenere una diversa misura di sostegno.

Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate nella risposta all’interpello numero 94 del 2024.

Bonus Sud non cumulabile con il credito d’imposta ZES: i chiarimenti delle Entrate

Lo spunto per fare luce sul rapporto che lega i due strumenti arriva dall’analisi di un caso pratico.

Protagonista è una società che ha beneficiato del bonus Sud previsto dalla Legge di bilancio 2016 per alcuni investimenti effettuati durante lo scorso anno e si rivolge all’Agenzia delle Entrate per verificare la possibilità di ottenere per lo stesso acquisto di impianti, attrezzature e macchinari ­anche del credito d’imposta messo in campo per le ZES, Zone Economiche Speciali.

La sede operativa oggetto degli investimenti, infatti, rientra nel perimetro delle ZES. E la società, a sostegno della sua posizione, fa riferimento al comma 102 dell’articolo 1 della legge n. 208 del 2015 che prevede la cumulabilità del credito d’imposta Mezzogiorno con Aiuti de minimis e con altri aiuti di Stato che abbiano ad oggetto gli stessi costi ammessi al beneficio, a patto che il cumulo non determini il superamento dell’intensità o dell’importo di aiuto più elevati consentiti dalle regole UE.

Ma, con la risposta all’interpello numero 94 del 17 aprile 2024, l’Amministrazione finanziaria pone il suo veto:

“Sulla base del tenore letterale delle disposizioni relative al Credito d’imposta ZES e di quelle concernenti il Credito d’imposta Mezzogiorno (rispettivamente, gli articoli 5 del decreto ­legge n. 91 del 2017 e 1, commi 98 e ss., della legge n. 208 del 2015), emerge che il Credito d’imposta ZES, diversamente da quanto ritenuto dalla Società, non possa essere considerato un’agevolazione “ulteriore” rispetto al Credito d’imposta Mezzogiorno che a quest’ultimo si ’“aggiunge”’, per i medesimi investimenti”.

Si chiarisce che la norma prevede un potenziamento del bonus Sud a cui si ha diritto per gli investimenti nelle Zone Economiche Speciali ma non un beneficio aggiuntivo.

Ne deriva che i due strumenti non sono cumulabili: non possono, infatti, essere considerati due bonus distinti ma rappresentano un’unica agevolazione, diversamente modulata in relazione agli ambiti territoriali in cui gli investimenti presi in considerazione delle relative disposizioni sono effettuati”.

In tabella i passaggi normativi oggetto dell’interpello.

Bonus Sud Agevolazione Limiti Territori interessati
Legge n. 208 del 2015 (articolo 1, comma 98 e seguenti) Credito d’imposta nella misura massima consentita dalla Carta degli aiuti a finalità regionale 2014­2020 C(2014) 6424 final del 16 settembre 2014, come modificata dalla decisione C(2016) 5938 final del 23 settembre 2016 3 milioni di euro per le piccole imprese, di 10

milioni di euro per le medie imprese e di 15 milioni di euro per le grandi imprese
Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna, Molise, Abruzzo
Credito d’imposta ZES Agevolazione Limiti Territori interessati
Decreto ­legge n. 91 del 2017 (articoli 4-5) Potenziamento del Bonus Sud In relazione agli investimenti effettuati nelle ZES, il bonus Sud è commisurato alla quota del costo complessivo dei beni acquisiti entro il 31 dicembre 2023 nel limite massimo, per ciascun progetto di investimento, di 100 milioni di euro zona geograficamente delimitata e chiaramente identificata sul territorio costituita anche da aree non territorialmente adiacenti con un nesso economico funzionale e con almeno un’area portuale

Di seguito il testo integrale del documento diffuso dall’Agenzia delle Entrate il 17 aprile 2024.

Agenzia delle Entrate – Risposta all’interpello numero 94 del 2024
Bonus Sud e credito d’imposta ZES cumulabili: rientrano in un’unica agevolazione

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui