Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


L’agevolazione da 100 euro che arriverà a gennaio ai dipendenti con redditi complessivi non oltre i 28mila euro “è una misura temporanea perché l’obiettivo è la detassazione delle tredicesime, come dice la legge delega”, ha spiegato il viceministro dell’Economia Maurizio Leo. Arriva la maxi deduzione al 120% (maggiorata al 130% per alcune categorie) sulle assunzioni. Via libera anche al decreto legge che riforma le Politiche di coesione

Bonus da 100 euro a gennaio per i lavoratori dipendenti con reddito fino a 28mila euro, se con coniuge e almeno un figlio a carico, o per monogenitori con un unico figlio. Maxi-sgravi del 120% per 2 anni a chi assume giovani, donne e alcune categorie di lavoratori svantaggiati. E per sostenere le attività al Sud. Sono alcune delle misure approvate oggi in Consiglio dei ministri, già presentate – raccogliendo scarso successo – ieri, 29 aprile, ai sindacati a Palazzo Chigi. Due i provvedimenti licenziati: il decreto legislativo Ires-Irpef, nell’ambito dell’attuazione della delega fiscale, e un decreto legge che riforma le Politiche di coesione.

Il bonus da 100 euro

Il bonus da 100 euro che arriverà nel 2025 per i redditi bassi “è il primo tassello” cui seguirà “trovando le relative risorse” l’intervento per “le tredicesime: non è che abbiamo una visione strabica, per imprese e lavoro autonomo, prestiamo altrettanta attenzione al lavoro dipendente, che ha numeri molto più rilevanti” e bisogna “trovare equilibrio per le coperture”, ha spiegato in conferenza stampa il viceministro dell’Economia Maurizio Leo. L’agevolazione “a vantaggio delle famiglie monoreddito o monogenitoriali” sarà “erogata attraverso i sostituti d’imposta nel 2025” – ha aggiunto Leo – perché nel 2024 il governo ha già utilizzato tutte le risorse per fare i primi 13 decreti legislativi attuativi della delega, “compreso quello di oggi”. “Il governo è voluto venire incontro alle fasce medio basse aggiungendo questo beneficio in un momento particolare” come quello di fine anno, “per venire incontro ai dipendenti che hanno redditi non elevati”, complessivamente non oltre 28mila euro. Il bonus da 100 euro “è una misura temporanea perché l’obiettivo è la detassazione delle tredicesime, come dice la legge delega”, ha detto Leo spiegando che il governo voleva dare un “ulteriore sostegno alle famiglie” ma sempre stando “attenti ai conti pubblici”, perché “vogliamo dare l’impressione ai mercati che ci muoviamo con la massima attenzione”.

Le aliquote Irpef

“Come primo obiettivo” per il 2025 c’è quello di “consolidare le famose tre aliquote e spingerci ancora oltre – ha detto il viceministro Leo – Vedremo quale sarà il risultato del concordato preventivo biennale per le partite Iva cui dobbiamo tendere la mano ma anche fare in modo che dichiarino redditi coerenti con la loro capacità contributiva, per venire incontro al ceto medio” che è quello “in maggior sofferenza”.




vedi anche

Da Milano a Roma: i quartieri più ricchi e più poveri delle città

Leo: “Per Superbonus lavoro aspettiamo decreto ministeriale”

Manca ancora il decreto ministeriale del Mef e del ministero del Lavoro per il Superbonus assunzioni. “La misura è già prevista nel decreto legislativo già approvato” e “si sta procedendo a un decreto interministeriale per fissare le regole di applicazione con effetto retroattivo sui contratti dal primo gennaio 2024”, ha spiegato Leo rispondendo a una domanda sulla maxi deduzione al 120% (maggiorata al 130% per giovani, donne ed ex Rdc) sulle assunzioni delle imprese, indipendentemente dalla forma societaria, e di lavoratori autonomi.

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con Marina Elvira Calderone, Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali,nello stabilimento GIAS, in occasione della visita al sistema agroalimentare del distretto del cosentino per le celebrazione della Festa del Lavoro 
(foto di Francesco Ammendola - Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)




leggi anche

Mattarella in Calabria: “Lavoro non è merce ma diritto da tutelare”

Il decreto Coesione

Con il decreto Coesione il governo punta ad accelerare l’attuazione delle politiche di coesione che prevedono per l’Italia 75 miliardi di euro, di cui 43 miliardi di risorse europee. Fondi europei che vengono assegnati al Paese ogni sette anni e che vanno spesi, destinandoli a politiche del lavoro, sociali e di sostegno alle imprese. Nell’ambito del dl Coesione è stata approvata la misura che rinnova fino al 15 giugno gli incarichi dei 6.147 collaboratori scolastici assunti a tempo determinato a supporto dei progetti del Pnrr e di Agenda Sud, attraverso uno stanziamento aggiuntivo di 18,5 milioni di euro. Con lo stesso provvedimento si accelera altresì l’impiego delle risorse – pari a circa 450 milioni di euro – del programma nazionale “Scuola e competenze” 2021-2027.

Fitto: “Col dl Coesione rimettiamo in moto 75 miliardi”

Negli ultimi due rapporti europei sui fondi di coesione per l’Italia “il quadro è poco edificante per l’efficacia della spesa”, in particolare “per la programmazione 2021-2027 gli impegni e le spese sono quasi pari a zero quindi l’obiettivo è rimettere in moto risorse pari a 43 miliardi di risorse europee ai quali si aggiungono risorse nazionali di cofinanziamento per un importo complessivo di 75 miliardi”, ha detto il ministro degli Affari europei, Sud, Politiche di coesione e Pnrr, Raffaele Fitto, al termine del Cdm. La riforma, ha spiegato, “crea le condizioni perché i diversi fondi (coesione, Fsc e Pnrr, ndr) dialoghino e diventino complementari”, perché “il rischio era che i fondi marciassero in contrasto gli uni con gli altri”. La riforma è il “tassello conclusivo che “ci fa usare meglio questi strumenti”.

Pnrr in Senato




leggi anche

Decreto Pnrr è legge: il Senato approva con 95 sì, 68 no e un astenuto

“Sostenere la crescita dell’occupazione”

Non è un caso che i nuovi provvedimenti sul lavoro arrivino proprio a ridosso del 1° maggio. L’obiettivo, come rimarcato da Meloni al tavolo con i sindacati, è quello di continuare a sostenere la crescita dell’occupazione, la riduzione della disoccupazione e degli inattivi, ovvero di coloro che non hanno un lavoro e neppure lo cercano, per farli rientrare nel mercato. E anche di difendere il potere d’acquisto delle famiglie e dei lavoratori, “segnatamente quelli più esposti”. 

Giorgia Meloni




leggi anche

Meloni incontra i sindacati, in arrivo bonus e sgravi assunzioni

ISCRIVITI AL CANALE WHATSAPP DI SKY TG24

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui