Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


Scompare un Superbonus, quello edilizio, e ne riappare un altro, quello sul lavoro. Oggi, lunedì 29 aprile, il governo Meloni presenterà alle parti sociali il decreto legge con le misure di stimolo per l’occupazione che domani approderanno in Consiglio dei ministri. Un pacchetto che include un triplo bonus: per le donne, per i giovani e per le regioni Mezzogiorno. Il provvedimento, scrive il Corriere della Sera, prevede la possibilità per le aziende di detrarre una quota del costo del lavoro pari al 120%, una percentuale che in alcuni casi può arrivare anche fino al 130%. Lo sgravio si rivolge a una platea di 380mila imprese e ai lavoratori autonomi. Il meccanismo previsto dai nuovi incentivi scatterà per tutte le assunzioni a tempo indeterminato firmate dal primo settembre di quest’anno e fino al 31 dicembre 2025.

I tre bonus

Il bonus a cui sta pensando il governo Meloni per stimolare l’occupazione femminile prevede uno sgravio fiscale per le aziende che assumono donne di qualsiasi età, prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi se residenti nelle aree Zes (Zone economiche speciali) oppure a donne disoccupate da almeno 2 anni residenti in qualsiasi area d’Italia. Lo sgravio avrà un valore massimo di circa 8mila euro. Il «bonus giovani» funzionerà tutto sommato allo stesso modo e prevede un limite massimo di sgravio per le imprese di 500 euro al mese, 6mila all’anno. L’incentivo spetterà a tutti i neoassunti sotto i 35 anni di età e che non sono mai stati occupati. Infine, il «bonus Zes», destinato alle aziende che hanno sede in Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna. Anche qui gli sgravi fiscali per le aziende sono previstI per le assunzioni di lavoratori a tempo indeterminato effettuate tra il 1° settembre 2024 e il 31 dicembre 2025. L’importo massimo è di 666 euro mensili, ossia circa 8mila euro all’anno.

Le coperture

Il costo del bonus giovani, scrive Il Messaggero, è stimato a 28,3 milioni per il 2023 e 491 milioni per il 2024. L’incentivo per le donne costerà 7,1 milioni per quest’anno e 159,5 milioni per il prossimo. Il terzo bonus, quello destinato alle regioni Zes del Mezzogiorno, non ha ancora una stima precisa dei costi. Ciò che è certo è che le coperture economiche arriveranno dai fondi europei. Più in particolare, dal Programma nazionale giovani, donne e lavoro 2021-2027. Domani in Consiglio dei ministri approderà infatti anche il decreto legge in materia di politiche di coesione. L’intenzione del governo è di rivedere le regole di utilizzo e di spesa dei circa 43 milioni di fondi che l’Ue stanzia all’Italia ogni 7 anni.

Le condizioni per accedere ai bonus

Per accedere ai bonus le imprese dovranno assicurare il rispetto di alcune condizioni. Innanzitutto, le aziende destinatarie dello sgravio fiscale dovranno aver svolto attività nei 365 giorni precedenti al periodo d’imposta in corso. Il secondo paletto è di tipo numerico: per ricevere il bonus, l’impresa deve dimostrare che l’assunzione di nuovi lavoratori si traduca in un effettivo incremento occupazionale. Per dirla in altre parole, il numero di lavoratori dipendenti a tempo indeterminato deve risultare superiore.

Leggi anche:



 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui