Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


[…scade infatti il 31 dicembre p.v. il termine per la fruizione del credito d’imposta Mezzogiorno; dal 1° gennaio sarà la volta del credito ZES, ma a condizioni meno vantaggiose…]

 

C’è dunque tempo fino al 31 dicembre 2023 per poter fruire del credito d’imposta Mezzogiorno – di cui alla Legge 208/2015 – che, ricordiamo, è rivolto a tutte le imprese [quindi anche alle farmacie] che acquistano beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna.

Nella gran parte dei casi – naturalmente per quel che in particolare riguarda le farmacie – il credito in argomento è pari al 45% dell’investimento effettuato [chiariremo meglio tra un momento quando l’investimento si considera effettuato] ed è spendibile – previa presentazione di apposita istanza telematica – direttamente in compensazione con qualunque tributo/contributo nel Mod. F24.

Per poter quindi considerare effettuato un investimento deve essere sempre tenuta in considerazione la regola generale della competenza di cui all’art 109 del D.P.R. 917/1986, ai sensi del quale, giova ricordarlo:

per l’acquisto a titolo definitivo – quindi in proprietà o a titolo di altro diritto reale – di beni mobili [ad es. casse automatiche, distributore automatico, robot, ecc.] rileva la data di consegna o spedizione oppure, se successiva, la data in cui si verifica l’effetto traslativo o costitutivo appunto della proprietà o di altro diritto reale;

– per i beni acquisiti, invece, con contratti di leasing rileva il momento in cui il bene viene consegnato all’utilizzatore [o la data del collaudo con esito positivo, se previsto].

Ora, in luogo del credito Mezzogiorno dal 1° gennaio 2024 troverà tuttavia spazio la ZES (Zona Economica Speciale) UNICA PER IL MEZZOGIORNO, istituita infatti con il recente D.L. 124/2023, che prevede la possibilità di beneficiare di un credito d’imposta fino al 60% per PMI [cui appartiene la quasi totalità delle farmacie] delle spese sostenute per gli investimenti effettuati nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna.

Nel dettaglio, sono agevolabili gli investimenti – facenti parte di un progetto di investimento iniziale – relativi sia all’acquisto, anche mediante contratti di locazione finanziaria, di macchinari, impianti e attrezzature varie destinati a strutture produttive già esistenti [o che vengono impiantate nel territorio], sia all’acquisto di terreni e sia anche all’acquisizione, alla realizzazione o all’ampliamento di immobili strumentali agli investimenti.


NB: Il valore dei terreni e degli immobili non può superare il 50% del valore complessivo dell’investimento agevolato.


 

Il credito d’imposta è ovviamente commisurato alla quota del costo complessivo dei beni acquistati [o in caso di investimenti immobiliari, realizzati] dal 1° gennaio 2024 al 15 novembre 2024.

Senonché, attenzione, ed è proprio qui la penalizzazione più rilevante per tutte o quasi le farmacie, NON sono agevolabili i progetti di investimento di importo inferiore a 200.000 euro.

Sempre il decreto ZES all’art. 11 prevede inoltre un piano strategico triennale che in coerenza con il PNRR individui anche in modo differenziato per le regioni che ne fanno parte a) i settori da promuovere e quelli da rafforzare; b) gli investimenti e gli interventi prioritari per lo sviluppo della ZES unica; c) e le modalità di attuazione.

Il cammino naturalmente è ancora lungo e non è dato sapere pienamente, a oggi, se e come il settore farmacie rientrerà nel decreto ZES, diventando quindi inevitabile dover attendere il 30 dicembre p.v. [o giù di lì] – data in cui verrà emanato apposito decreto attuativo – affinché il tutto cominci a delinearsi.

Dovendo, anzi potendo – sia pure soltanto fino al 31 dicembre – aspirare ancora, come detto all’inizio, al credito d’imposta Mezzogiorno, può rivelarsi preferibile in molte circostanze scegliere appunto il certo [che è proprio il credito d’imposta Mezzogiorno nei suoi ultimi giorni di vita] piuttosto che l’incerto [ovviamente il credito ZES, per la non sicurissima sua applicabilità alle farmacie].

Perciò, in sintesi e per concludere, laddove aveste in serbo in queste ore l’idea di procedere a investimenti in beni strumentali dal costo non superiore a 200.000 euro [pensiamo alla vending machine, all’etichettatrice, alla cassa automatica, ecc…], forse – ma, chissà, senza forse… – può valere la pena pensarci, con l’aiuto evidentemente del consulente di riferimento, in tempi brevissimi e quindi non proprio alle ore 24.00 del giorno di San Silvestro…

(marco righini)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui