Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


Nuovo avviso con una proposta diversa finalizzata ad invogliare la partecipazione


Santa Teresa, Centro di aggregazione chiuso dal 2022: terzo tentativo con nuova strategia

di Andrea Rifatto | oggi | ATTUALITÀ

La struttura nell’ex caserma è pronta dal 2022

Pronto da due anni e mezzo ma chiuso, perchè non è stato trovato nessuno che possa aprirlo e gestirlo. Adesso c’è il terzo tentativo. Dopo due gare andate a vuoto, l’Amministrazione comunale di Santa Teresa di Riva riavvia le procedure per affidare il Centro diurno educativo e di aggregazione per minori “Imparare per crescere”, realizzato nell’immobile di via Vittorio Emanuele Orlando che fino al 2009 ha ospitato la caserma della Guardia di Finanza, prima di essere acquistato nel 2015 dal Comune al prezzo di 407mila euro. La struttura è pronta da gennaio 2022 ma rimane sbarrata e non può essere utilizzata da due comunità, visto che il finanziamento da 473mila 424 euro concesso dalla Regione sui fondi europei del Po-Fesr 2014-2020 (cofinanziato dal Comune con 43mila euro) prevede la gestione in forma associata con Sant’Alessio Siculo. L’Amministrazione comunale ha deciso adesso di pubblicare un avviso per individuare un ente del terzo settore con il quale avviare un percorso di co-progettazione, insieme ai Servizi sociali, finalizzato a redigere un nuovo piano di gestione per scegliere la migliore modalità di conduzione della struttura che sarà finalizzata al supporto di minori, disabili e per altre finalità sociali. Il Comune partecipa mettendo a disposizione l’immobile ad un canone che ritiene agevolato rispetto ai prezzi di mercato, fissato in 12.000 euro l’anno per tre anni, e concede inoltre al gestore un pulmino nove posti con pedana per disabili, a richiesta e secondo le esigenze individuate e concordate. All’avviso potranno partecipare enti in forma singola o in associazione temporanea di scopo e le domande dovranno essere presentate entro il 15 maggio: l’ente del terzo settore al quale affidare la co-progettazione e la co-gestione sarà quello che avrà totalizzato il miglior punteggio complessivo, attribuito sulla base di criteri di valutazione come qualità organizzativa, qualità del servizio, capacità di costituire reti sociali e servizio di trasporto, e dovrà garantire la propria organizzazione e il proprio personale. 

Una strategia diversa rispetto a quella utilizzata nei primi due bandi, visto che secondo l’Amministrazione ciò che ha reso finora poco appetibile l’operazione sono i costi di gestione, in quanto l’affidamento del centro era basato su una concessione dal valore di 352mila 800 euro, con un piano di gestione che prevedeva costi di erogazione dei servizi per 33mila 600 euro annui, oltre a 76mila 800 euro per le risorse umane fisse (un responsabile coordinatore) e a prestazione (assistente sociale, due educatori e infermiera) per 16.800 prestazioni annue nei confronti di 70 minori, per un prezzo medio di 7 euro e un fatturato totale annuo di 117mila 600 euro. L’allungarsi dei tempi ha messo a rischio il finanziamento regionale, visto che il Comune ha l’obbligo di individuare il soggetto gestore prima dell’erogazione del saldo, pena la revoca del beneficio e il recupero delle somme erogate: finora la Regione ha erogato un’anticipazione da 86mila 077 euro (ottobre 2021) e il primo pagamento intermedio da 209mila 038 euro (marzo 2022): per ottenere il saldo bisogna dimostrare che l’operazione è attiva e funzionante, allegando i collaudi e la documentazione relativa alla procedura di affidamento.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui