Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


La reale efficienza sarà ancorata alla capacità della “struttura di Missione” di rispondere con velocità e competenza alle istanze provenienti dal territorio, in un’ottica di cooperazione, per evitare lo spettro di un cortocircuito innescato da eccessiva lontananza degli organi decisori dall’area di applicazione delle misure   

 

Dal prossimo 1° gennaio sarà operativa in Italia un’unica Zona Economica Speciale per il Mezzogiorno; la “ZES unica” comprenderà l’intero territorio delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna.

Sotto il profilo cronologico, dapprima il CdM dello scorso 7 settembre ha ratificato il percorso normativo che istituisce una sola Cabina di regia, direttamente presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, con funzioni di indirizzo, coordinamento, vigilanza e monitoraggio della nuova area.

Un’apposita “Struttura di missione per la ZES”, con una durata di 3 anni, fornirà supporto all’Autorità politica delegata in materia di ZES per l’esercizio delle funzioni di indirizzo e coordinamento dell’azione strategica del Governo e di predisposizione e aggiornamento del Piano strategico ZES e delle attività necessarie a prevenire tentativi di infiltrazione da parte della criminalità organizzata.

Sul piano pratico, il provvedimento ministeriale garantirà alle imprese che si insediano – o già operano – nelle 8 regioni rilevanti semplificazioni nel procedimento di ottenimento dell’autorizzazione unica per l’avvio delle attività produttive e, soprattutto, il credito d’imposta per gli investimenti produttivi fino al 2026, nella misura massima consentita dalla Carta degli aiuti a finalità regionale 2022-2027. Successivamente, con il definitivo passaggio al Senato, l’istituzione della Zes Unica per il Mezzogiorno ha preso definitivamente corpo. Non più delimitazioni territoriali all’interno delle regioni disagiate, ma estensione dei benefici all’intero perimetro delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna.

Nel solco tracciato dall’Esecutivo, un ruolo strategico lo giocherà senz’altro la cosiddetta “Cabina di Regia”, una sorta di comitato interministeriale con compiti di indirizzo, coordinamento, vigilanza e monitoraggio cui, con la versione passata al vaglio del Senato, si sono aggiunti anche il Presidente dell’Unione delle province d’Italia e il Presidente dell’Associazione nazionale dei Comuni italiani.

Il timore di un accentramento dei poteri decisionali, con il rischio di isolare la governance locale, è stato modulato con la previsione di una struttura operativa più orientata al territorio. E così, se la “cabina di regia” continua a rappresentare la mente del progetto Zes unica, il suo braccio operativo è costituito dalla “struttura di missione Zes”; a tale organismo, secondo le modifiche apportate al testo originario del dl 124, spetterà anche il monitoraggio, con cadenza almeno semestrale e sulla base degli indicatori di avanzamento fisico, finanziario e procedurale definiti dalla cabina di regia, degli interventi e degli incentivi concessi nella Zes unica, anche al fine di verificare l’andamento delle attività, l’efficacia delle misure di incentivazione concesse e il raggiungimento dei risultati attesi come indicati nel Piano strategico della Zes unica.

A questo punto, non resta che aspettare il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottarsi nei sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del disegno di legge, e osservare l’organizzazione della Struttura di missione Zes e le competenze degli uffici. Non sfuggirà come la reale efficienza dell’intera riscrittura delle Zes sia ancorata alla capacità della “struttura di Missione” di rispondere con velocità e competenza alle istanze provenienti dal territorio, creando con lo stesso un sistema di solida cooperazione ed evitando lo spettro di un cortocircuito innescato da eccessiva lontananza degli organi decisori dall’area di applicazione delle misure.   

Il fulcro operativo della Zes unica sarà il cosiddetto “Piano strategico della Zes unica”, un programma triennale elaborato dalla Struttura di Missione in coerenza con il PNRR e le programmazioni nazionali e regionali dei fondi strutturali europei, nonché nel rispetto dei princìpi di sostenibilità ambientale.

Il Piano articolerà la politica di sviluppo della Zes unica in modo differenziato per ogni singola regione, individuando i settori da promuovere e quelli da rafforzare, nonché gli investimenti e gli interventi prioritari per il suo sviluppo, quali ad esempio quelli destinati a favorire la riconversione industriale finalizzata alla transizione energetica. L’efficacia del Piano dovrebbe essere garantita dalla compartecipazione delle regioni interessate e dei rappresentanti designati congiuntamente dall’Unione delle province d’Italia e dall’Associazione nazionale dei Comuni italiani.

Sul piano operativo, resta confermato che i progetti di investimento cui spetterà il credito d’imposta non potranno comportare una spesa inferiore a duecentomila euro; di questi, non oltre il cinquanta per cento potrà essere rappresentato da immobili e terreni.

Anche per tale incentivo, la prossima data è quella in cui un decreto del Ministro per gli affari europei, il Sud, le politiche di coesione e il PNRR, da adottarsi con il Ministro dell’economia e delle finanze entro il 30 dicembre 2023, definirà il limite di spesa complessivo del credito di imposta, le modalità d’accesso, i criteri e le modalità di applicazione e fruizione del credito.

Nel frattempo, le numerose pronunce susseguitesi negli scorsi mesi da parte dell’Agenzia delle Entrate hanno consentito di fare maggiore luce sulla fruibilità del beneficio in relazione all’acquisto o alla realizzazione di immobili. Infatti, sul piano generale, l’incentivo ricalca la disciplina di cui all’articolo 1, commi da 98 a 108, della legge 28 dicembre 2015, n. 208 che si applica, appunto, con alcune varianti significative nelle ZES.

Con le Risposte ad Interpello nn. 332 e 519 del 2022 il Fisco ha chiarito che l’agevolazione resta preclusa alle cessioni “infragruppo” di immobili e che la stipula di un contratto di sale & lease-back successivo all’acquisizione non è assimilabile ad una vera e propria cessione dell’immobile e che, di conseguenza, la medesima operazione non rappresenta una causa di decadenza dall’agevolazione.

Scontata, invece, la conclusione raggiunta dall’Amministrazione (Risposta ad Interpello n. 132 del 2023) qualora l’investimento agevolabile sia realizzato da soggetti operanti su territorio parzialmente incluso in una ZES; in tal caso, infatti, il bonus compete solo per le spese riferibili alla parte effettivamente localizzata nella stessa ZES.

La Risposta ad Interpello n. 145 del 2023 ripercorre, invece, il presupposto fondamentale per l’accesso al beneficio, ossia la realizzazione di un “investimento iniziale”.

 

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui